Skip to main content

Come ottenere le app Android per vedere l'archiviazione esterna sui Chromebook

Come ottenere le app Android per vedere l'archiviazione esterna sui Chromebook

Geoffrey Carr

Le app Android sono un ottimo modo per espandere le funzionalità a volte limitate dei Chromebook, ma possono costituire un problema se si archiviano la maggior parte dei dati su un supporto esterno, ad esempio una scheda SD.

Fortunatamente, con alcuni comandi è possibile "forzare" le app Android non solo per visualizzare la memoria esterna, ma anche per scriverle. Ti avverto, però: questo richiede alcuni comandi di shell, quindi se non ti senti a tuo agio, percorri con attenzione. Gridare a Nolirium per questo post del blog incredibilmente utile che mi ha fatto rotolare con questo. Grazie alle indicazioni trovate lì, sono riuscito a farlo funzionare senza problemi.

Quindi, come funziona?

In breve, useremo bind mounts per fondamentalmente "legare" una cartella sul supporto esterno a una che fa parte della struttura interna dei file. Fondamentalmente, questo permette ad Android di vedere il contenuto della cartella esterna, perché è collegato a una cartella nella memoria interna, che può vedere senza problemi.

Vale la pena notare che il binding di queste cartelle funziona solo su Android, ma non influisce sul modo in cui Chrome OS vede le cartelle o i file all'interno. Creeremo una cartella chiamata "Bound" nella radice della directory Download in Chrome OS e legheremo una cartella sul supporto esterno a questa cartella, e mentre Android vedrà il contenuto della cartella esterna nella directory Bound, Chrome OS non lo farà: il Bound apparirà direttamente completamente vuoto. Ma poiché Chrome OS può interagire in modo nativo con l'archiviazione esterna, questo non dovrebbe essere un problema.

Fase uno: crea le tue cartelle

Con ciò, siamo pronti a creare le directory che useremo per questo. Come ho detto sopra, creeremo una cartella nella directory Download denominata "Bound". Quindi vai avanti e apri l'app File di Chrome OS e vai alla directory Download.

Da lì, fai clic con il pulsante destro e scegli "Nuova cartella".

Assegna un nome a questa cartella "Bound".

Vale la pena notare che puoi chiamarlo come preferisci, ma per gli scopi di questo tutorial e dei comandi che utilizzerai di seguito, utilizzeremo "Bound".

Se hai un set specifico di file che vuoi che Android sia visibile sul tuo Chromebook, vai avanti e vai al tuo supporto esterno e crea anche qui una nuova cartella. Chiamalo di conseguenza: sto usando "Schermate" per questo esempio, quindi sentiti libero di cambiarlo se non ha senso per la tua applicazione. Ricorda che dovrai modificare parte dei comandi qui sotto per riflettere il nome della cartella.

Passaggio 2: aprire una shell di root e creare il binding

Per prima cosa, dovrai aprire una finestra Crosh premendo Ctrl + Alt + T sulla tastiera. Una nuova finestra nera si aprirà nel tuo browser. In alternativa, puoi installare l'app Crosh Window da Chrome App Store (che richiede anche l'installazione di Secure Shell da installare), ma non è necessario se si tratta di qualcosa che non ritieni di utilizzare spesso.

Nella finestra Crosh, digitare quanto segue:

shell

Seguito da:

sudo su

Richiederà la tua password: questa dovrebbe essere la stessa con cui accedi al Chromebook.

A questo punto, sei in una shell di root, che è ciò che vogliamo. I seguenti comandi dovrebbero consentire l'accesso in lettura / scrittura alla cartella esterna direttamente dalle app Android. Per gli scopi di questo tutorial, ho intenzione di scomporli uno alla volta, ma tieni presente che tu può li stringa insieme se vuoi, basta separare ogni comando con && simboli.

Nota: il titolo predefinito per un'unità esterna in Chrome OS è "UNTITLED". Se l'unità è stata denominata in un altro modo, utilizzarla al posto di "UNTITLED" nei seguenti comandi.

Con quello fuori mano, inserisci quanto segue nella finestra della shell di root:

mount --bind /media/removable/UNTITLED/Screenshots /run/arc/sdcard/default/emulated/0/Download/Bound mount --bind /media/removable/UNTITLED/Screenshots /run/arc/sdcard/read/emulated/0/Download/Bound mount --bind /media/removable/UNTITLED/Screenshots /run/arc/sdcard/write/emulated/0/Download/Bound

Di nuovo, cambia il nome della cartella esterna in qualunque cosa tu scelga se è diverso dal mio.

Terzo passo: profitto

Questo è praticamente tutto quello che c'è da fare. Come ho detto prima, questo non influenzerà il modo in cui Chrome OS vede le tue cartelle, solo Android.

Certo, non è un sistema perfetto. Alcune app Android potrebbero essere in grado di vedere il contenuto della cartella associata, ma non interagire con loro. Ad esempio, io uso Skitch per annotare gli screenshot, e mentre può vedere tutto nella cartella associata, non è in grado di aprire nessuno dei file. Questo probabilmente dipende in gran parte dal fatto che Skitch non è più in sviluppo attivo, quindi è piuttosto obsoleto, ma è comunque un buon esempio di quanto questo sistema possa essere imperfetto.

Inoltre, questo binding non sopravviverà al riavvio. Quindi, ogni volta che riavvierai il computer, dovrai reinserire i comandi precedenti. Ho anche visto dove alcuni utenti hanno perso l'accesso alla cartella associata dopo che il sistema è entrato in modalità di sospensione, ma personalmente non ho riscontrato questo problema. Come con la maggior parte dei workaround come questo, il tuo chilometraggio può variare.

Ovviamente, Google sta lavorando attivamente per abilitare i contenuti della scheda SD alle app Android, quindi alla fine noi dovrebbero ottenere il supporto adeguato. Ma fino a quel punto, questa è la prossima cosa migliore.

Link
Plus
Send
Send
Pin